Accesso Utenti

Siti Cattolici



Chi cè online

Abbiamo 3 visitatori e nessun utente online

 30 Giugno - 1 Luglio 2018

Da Monte Sant’Angelo a San Giovanni Rotondo per vivere il Perdono del Gargano

 

 

Un cammino penitenziale lungo circa 25 km unirà Monte Sant'Angelo a San Giovanni Rotondo nella notte tra il 30 giugno ed il 1 luglio, per la via degli Angeli, per vivere il Perdono del Gargano e lucrare l'indulgenza plenaria. La chiesetta antica di Santa Maria delle Grazie venne consacrata e dedicata, con grande solennità, a Maria SS. delle Grazie il 5 luglio 1676. I lavori di costruzione cominciarono nel 1540. Venne fortemente danneggiata, assieme al convento, dal terremoto del 1624. Le opere di riparazione vennero terminate nel 1629. In questo luogo per oltre 50 anni, Padre Pio ai numerosi fedeli che giungevano a San Giovanni Rotondo, ha indicato il senso della speranza, dell'abbandono, della misericordia con la quale Dio accoglie ogni uomo che lo cerca. Nell'anno della sua canonizzazione, il 30 ottobre, Papa Giovanni Paolo II, concesse, alla chiesetta conventuale dei frati cappuccini di San Giovanni Rotondo, l'indulgenza plenaria.

30 giugno 2018

L'evento comincerà a Monte Sant'Angelo, nella Basilica di San Michele Arcangelo il 30 giugno alle 15.30. Il rettore del Santuario, Padre Ladislao Suchy, presiederà il rito della consegna dello spadino di San Michele. Subito dopo i pellegrini si metteranno in cammino verso San Giovanni Rotondo. Alle 23 in Piazza Padre Pio saranno accolti dal Sindaco della città, Costanzo Cascavilla. Alle 23.30, nel piazzale antistante alla chiesetta di Santa Maria delle Grazie, saranno accolti dal rettore del Santuario di San Pio, fr. Francesco Dileo che li accompagnerà all'interno della piccola chiesa.

1 luglio 2018

A mezzanotte, nel giorno delle dedicazione delle Chiese di Santa Maria delle Grazie e di San Pio, il guardiano della fraternità dei frati cappuccini, fr. Carlo Laborde, presiederà una solenne Celebrazione Eucaristica. Alle 11.30 sarà il segretario generale dei gruppi di preghiera, fr. Luciano Lotti, a presiedere la Santa Messa Chiesa di San Pio. Nella stessa chiesa alle 18 il rettore del Santuario di San Michele Arcangelo, Padre Ladislao Suchy, presiederà la Santa Messa. Il decreto dell'indulgenza plenaria Il decreto, porta la data del 30 ottobre 2002. La Penitenzeria Apostolica concesse l'Indulgenza Plenaria perpetua, "alle solite condizioni (sacramentale confessione, Comunione eucaristica, preghiere secondo l'intenzione del Sommo Pontefice), con l'animo completamente distaccato dall'affetto a qualsiasi peccato, da lucrarsi dai fedeli che visitano piamente la sopradetta chiesa ed ivi o partecipano a qualche sacra celebrazione in onore del Beato Padre Pio da Pietrelcina o almeno recitano devotamente il Padre Nostro e il Simbolo della fede, aggiungendo una preghiera in suo onore desunta dal Messale o qualche altra preghiera legittimamente approvata:

• nella solennità del Titolare della stessa chiesa (9 settembre)
• il 23 settembre, nella memoria liturgica di San Pio da Pietrelcina
• una volta all'anno, in un giorno liberamente scelto dai singoli fedeli
• ogni volta che, spinti dalla devozione, ivi accedono in gruppo come pellegrini"

Santa Maria delle Grazie come la Porziuncola

Ci viene spontaneo pensare in questo momento alla Porziuncola, la piccola chiesa per la quale San Francesco aveva richiesto il dono dell'indulgenza per tutti coloro che vi si recavano. La chiesetta antica di Padre Pio come la Porziuncola. La chiesetta è stata testimone privilegiata della santità di Padre Pio che qui ha operato attraverso il suo ministero sacerdotale, soprattutto nel sacramento della Riconciliazione. Dal 2002 è diventato un luogo di misericordia, di riconciliazione e di pace per tutti coloro che come pellegrini hanno pregherato ed hanno chiesto, per intercessione di San Pio e di tutti i santi, di essere perdonati e sollevati dai propri peccati.

 

Position9