Azione Cattolica
PDF Stampa E-mail
Indice
Azione Cattolica
Magna Charta
In Parrocchia
Le iniziative
Tutte le pagine

Azione Cattolica Italiana:
Una storia lunga più di cento anni

 

 

Nel 1868, su iniziativa di due giovani: Mario Fani di Viterbo e Giovanni Acquaderni di Bologna, nasce l’Azione Cattolica Italiana con il nome di Società della Gioventù Cattolica Italiana. Il suo programma è: pensiero, azione e sacrificio, tradotti nella fedeltà a quattro doveri principali: devozione alla Santa Sede, studio della religione, vita cristiana, esercizio della carità.
Negli anni seguenti nascono altri rami, come quelli delle Donne cattoliche, della Gioventù femminile, degli Uomini cattolici, degli Universitari cattolici (Fuci), alla cui guida ci sono uomini e donne di vera fede e di alto senso cristiano. L’Azione Cattolica ha problemi durante il regime fascista. Mussolini invia ai prefetti l’ordine di chiudere i circoli dell’A.C. perché l’attività formativa religiosa è esercitata spesso in senso antifascista. Pio XI risponde con l’enciclica “Non abbiamo bisogno”, in cui afferma che il laicato e l’A.C. non hanno bisogno di garanzie diverse da quelle della Chiesa, della fede, e del rapporto con il Pontefice.
Dopo la Seconda Guerra Mondiale, anche per merito del suo sforzo organizzativo, l’A.C. raggiunge un’espansione mai vista prima: nel 1943 gli iscritti sono 2.500.000; nel 1959 arrivano fino a 3.377.000. E’ il grande momento dell’A.C., in cui molti dirigenti scelgono la politica per difendere la Chiesa dal comunismo e per portare il proprio contributo alla ricostruzione del Paese e alla nascita di una società civile sempre più vicina a Cristo e fedele alla Chiesa.



Ultimo aggiornamento Giovedì 09 Ottobre 2008 20:59
 

Parrocchia San Giuseppe Artigiano
Piazza Europa, 2
71013 San Giovanni Rotondo(FG)
Tel.& Fax 0882/456072
mail: sangiuseppeartigianosgr@gmail.com
Arcidiocesi di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo