Accesso Utenti

Siti Cattolici

Chi cè online

Abbiamo 85 visitatori e nessun utente online

p3 p2 p4 p5 p1

Laetare

Matrimonio

Avvento

Evangeliario

Concelebrazione

A-Dio Mons. Russo

 

Si è spento, nella notte, a Milano, mons. Michele Russo, religioso comboniano, vescovo emerito di Doba (Ciad). Nato a San Giovanni Rotondo il 30 gennaio 1945, ordinato sacerdote il 18 marzo 1970 e consacrato vescovo il 21 maggio 1989, mons. Russo è stato in Africa per 35 anni, 12 dei quali come missionario e 23 come vescovo di Doba, lavorando per il consolidamento e la diffusione della Chiesa in Ciad. Le esequie di mons. Russo saranno celebrate nel pomeriggio di martedì 2 aprile nella chiesa parrocchiale San Giuseppe Artigiano di San Giovanni Rotondo. In una intervista rilasciata nell’ottobre 2011 al settimanale della diocesi di Manfredonia, Voci e Volti, sull’Africa il vescovo affermava che “mi ha cambiato e formato”. “Sono divenuto reattivo e sensibile per dire e gridare forte la Verità affinché il mondo ascolti la voce dell’Africa che è terra mia, sempre più sfruttata, dove vive 1 miliardo di persone, dove non vi sono vecchi perché si muore a 40 anni. L’Africa rimane un serbatoio ricchissimo per il mondo, ma le hanno spezzato le gambe per correre e per crescere. Le sue straordinarie potenzialità sono soffocate per il mancato sviluppo e la crescita zero”.

 

    

 

Ufficio Comunicazioni Sociali – Diocesi di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo
Lutto nell’episcopato, si è spento mons. Michele Russo, vescovo emerito di Doba (Ciad).


Mons. Michele RUSSO m.c.c.i., (Missionarii Comboniani Cordis Iesu), religioso comboniano, vescovo emerito di Doba (Ciad) si è spento serenamente questa notte in Milano presso la casa comboniana ‘Centro per confratelli ammalati e anziani’ di Largo Missionari Comboniani. Nato a S. Giovanni Rotondo il 30 gennaio 1945, ordinato sacerdote il 18 marzo 1970 e consacrato vescovo il 21 maggio 1989, mons. Michele Russo è stato in Africa per 35 anni, 12 dei quali come missionario e 23 come vescovo di Doba lavorando strenuamente per il consolidamento e la diffusione della Chiesa in Ciad che ha amato e servito profondamente tanto da poter dire “… l’Africa mi ha cambiato e formato. Sono divenuto reattivo e sensibile per dire e gridare forte la Verità affinché il mondo ascolti la voce dell’Africa che è terra mia, sempre più sfruttata, dove vive 1 miliardo di persone, dove non vi sono vecchi perché si muore a 40 anni… la Chiesa non può più far silenzio ad ogni livello. Oggi, è il momento di parlare. Il problema dell’Africa è l’Africa, e dunque bisogna vedere cosa fare per organizzarsi, cosa fare per sviluppare l’Africa perché non bisogna più giocare con l’Africa. Ora, è il momento di far sviluppare l’Africa ove la Chiesa oggi fa di tutto. Ci siamo posti noi vescovi anche una domanda di pazzia: ritirarci! ma è assurdo e contrario al Vangelo. Se il mondo è sordo alle istanze dell’Africa, la Chiesa non può esserlo. L’Africa rimane un serbatoio ricchissimo per il mondo, ma le hanno spezzato le gambe per correre e per crescere. Le sue straordinarie potenzialità sono soffocate per il mancato sviluppo e la crescita zero” (intervista fatta da Voci e Volti dell’ottobre 2011).
Le esequie di mons. Michele Russo saranno celebrate martedì 2 aprile, alle 16,00, nella chiesa parrocchiale S. Giuseppe Artigiano di S. Giovanni Rotondo. Ricordandolo con affetto, stima e ammirazione lo affidiamo all’amore misericordioso del Signore Risorto. Manfredonia, 30 marzo 2019
dr Alberto Cavallini
Direttore dell’Ufficio per le Comunicazioni Sociali